Stats4bets: la matematica applicata alle scommesse sportive

Stats4bets: la matematica applicata alle scommesse sportive

Oggi conosciamo Alessandro Trabassi, imprenditore digitale ed esperto di scommesse sportive. Ho letto il suo libro metodotostats4bet e mi sono letteralmente innamorato della sua strategia di guadagno con le scommesse sportive. Così ho deciso di contattarlo tramite Facebook per saperne di più. Si è rivelato una persona molto gentile e disponibile, e quando gli ho chiesto di concedermi una intervista per il mio blog, ha subito accettato.

Senza dilungarmi oltre, ecco l’intervista che mi ha concesso, che contiene tantissimi spunti interessanti e consigli utili per chi opera nel mondo delle scommesse sportive.

1- Ciao Alessandro, e grazie per aver accettato la nostra intervista. Innanzitutto, per conoscerti meglio, parlaci brevemente di te, quali sono state le tappe principali della tua vita: studio, lavoro, famiglia, ecc...

Ciao Nicholas, grazie a voi per aver pensato a me per affrontare un discorso così delicato come quello del guadagnare con le scommesse sportive. In rete si trovano molti “sistemi automatici” che di automatico hanno in realtà solo il fatto di far perdere soldi, quindi credo sia importante affrontare il discorso in modo chiaro e soprattutto onesto.

Prima di cominciare però, giustamente, due parole su di me.
Sono laureato in comunicazione e marketing, e negli anni mi sono appassionato al copywriting. La mia principale attività lavorativa è quella. Il mondo delle scommesse però lo vivo sin da bambino, da quando ancora c’erano le bische clandestine per giocare il picchetto.
Sono sempre stato affascinato dall’idea di trovare un modo per vincere in maniera ricorrente le mie schedine, e crescendo – dopo aver letto diversi libri, articoli e studi sull’argomento – mi sono messo insieme a un amico professore di Matematica alla Sapienza a studiare un modo per realizzare il mio progetto.
E’ così che è nato “metodo stats4bets” e tutto quel che ne consegue del mio business online.

2-Parlaci delle tue attività online: di cosa ti occupi e perchè hai scelto di dedicarti al business online

Una volta concretizzato un metodo di studio delle partite, un metodo che si basa sulle statistiche e sulla probabilità di ricorrenza dell’esito studiato, ho deciso di descrivere una parte del processo in un libro e l’ho pubblicato per farmi conoscere dagli appassionati del settore.
Il libro non svela del tutto l’algoritmo che abbiamo inventato, su quello ho mantenuto un minimo di riserbo più che altro per evitare che mi venisse rubato. Ma svela comunque un sistema di studio statistico molto valido e di grande aiuto quando si affronta una schedina.
Posso dire di occuparmi quasi di tutto da solo per quel che riguarda la promozione, il marketing e la diffusione sui social, mentre ho due amici che mi aiutano sul lato informatico e con i quali ho creato un’app per cellulari e una piattaforma di betting.
Ho attivato infine dei gruppi privati a pagamento, in cui le persone entrano per vedere le mie schedine e gli studi che faccio.

3-Parlaci del tuo sistema di investimento nelle scommesse sportive

La primissima premessa che mi sono sentito in obbligo di fare è quella che non esistono scommesse sempre vincenti. Si insegue sempre il mito delle vincite con pochi euro e dell’arricchirsi con le scommesse quando invece è giusto dire che anche dinnanzi ad ore di studio, si può incappare nell’evento imponderabile che fa andare male una giocata. Il classico “la palla è rotonda”, banale ma giusto da dire. Altrimenti le persone bruciano in poche giocate il proprio budget.
Proprio per questo motivo ho dedicato un intero capitolo del mio libro alla gestione del budget, in cui ho introdotto tecniche money management riprese dal poker che aiutano nella gestione del bankroll e nella salvaguardia del proprio “gruzzolo”.
Imparato a fare questo, a gestire i soldi, il mio sistema di investimento è molto semplice: gioco principalmente scommesse singole o raddoppi, che hanno una più alta probabilità di vincita, e lascio le multiple o i tentativo di “colpaccio” solo pochi spicci che non intaccano il budget anche in caso di sconfitta.
Piccole vincite, costanti. E’ questa la mia filosofia.

4-Quali sono i punti di forza del tuo sistema

Utilizzo diverse tecniche di betting quando scommetto: studio cioè le partite sia in chiave statistica, che in base al mercato asiatico e alla fluttuazione delle quote. Cerco quindi di trovare quelle partite in cui su tutti e 3 gli scenari c’è concordanza perché sono quelle che più facilmente risultano vincenti.

5-E’ davvero possibile creare una rendita grazie alle scommesse sportive?

E’ possibile, ma bisogna partire da alcuni presupposti importanti: prima di tutto bisognerebbe dedicare alla scommesse un budget che non va ad intaccare la vita di tutti i giorni. Mi spiego meglio: se ho 1000 euro, e con quei 1000 euro devo pagarci l’affitto, non dovrei toccare neanche 1 euro per scommettere.
E’ importante essere ferrei: dedicare un piccolo budget, e usare quello. Si partirà con 10 euro magari, e nei primi mesi le vincite saranno di piccoli importi. Ma è assolutamente sconsigliato giocare con soldi che in realtà sarebbero da dedicare ad altro.
Questo perché scommettere con l’ansia, a livello psicologico, di dover vincere per recuperare soldi, è il primo modo per andare incontro a sconfitta certa.
I soldi per le scommesse devono essere considerati pari a quelli per andare al cinema, a cena fuori, o a qualunque altro svago. Solo così si gioca con la mente libera, ci si crea un budget che piano piano cresce, e allora, a quel punto, si riesce a creare una rendita.
Questa è la mia esperienza quanto meno, e quello che mi sento di consigliare.

6-Perchè usare la matematica nelle scommesse sportive?

Perché i bookmakers usano la matematica per stilare le quote. Se si vuole battere i bookmakers, è fondamentale fare gli stessi studi che fanno loro. Non c’è un’altra via.

7-Online si possono trovare centinaia di sistemi di guadagno con le scommesse sportive, perchè un utente dovrebbe scegliere proprio la tua strategia e in cosa si differenzia da tutti gli altri sistemi

Hai perfettamente ragione, in rete è davvero pieno di sistemi che promettono vincite sicure, casse a ripetizione e quant’altro. Quando vedo proposte di questo tipo, ne sto alla larga: promettere vincere sicure con le scommesse è palesemente una truffa. Non ci può essere certezza nelle scommesse.
Il mio metodo, oltre a chiarire in modo onesto i rischi che si corrono con le scommesse, insegna a gestire il proprio budget al meglio, per evitare perdite e sprechi di denaro.
E’ un metodo rigido, ma che permette – passo dopo passo – di valutare ogni singola giocata.
Magari non si diventa ricchi in un mese, ma sicuramente non si perde tutto il proprio budget.

8-Quanto si può arrivara a guadagnare con la tua strategia

Dare una risposta a questa domanda non è semplice, perché tutto dipende dal budget iniziale. Io fraziono le mie giocate in percentuale, quindi chi gioca con 1000 € di budget e punta il 6% del proprio budget su una scommessa, vincerà necessariamente di più di chi fa la stessa giocata ma partiva da un budget di 100 €.
Io, dopo 4 anni che seguo questo metodo, ho un budget che mi consente di vincere cifre interessanti. Però resto sempre nell’ottica di giocare “il giusto”: non farò mai una scommessa puntando 500 euro. Non rientra nella mia concezione di betting.

9-Ci puoi consigliare qualche risorsa (libri, siti web, gruppi facebook…) utile per chi vuole avvicinarsi al mondo delle scommesse sportive

Quando iniziai a studiare questo argomento, anni fa, lessi dei libri americani sulla gestione del budget durante le scommesse, ma erano incentrati più che altro sul poker. In Italiano consiglio sicuramente il mio libro Metodo Stats4Bets perché le oltre 80 recensioni ricevute su Amazon dicono quasi tutte la stessa cosa: è semplice e chiaro. Non a caso è diventato il libro di betting più venduto in Italia, nonostante io partissi come scrittore assolutamente indipendente e sconosciuto.

10- Hai qualche progetto per il futuro, o qualche nuovo business in cantiere? Ti va di parlarcene

Il progetto a cui mi sto dedicando in questo momento riguarda il video-corso avanzato che insegna a studiare le partite tramite i bookmakers asiatici. (https://asiansecretsbetting.it)
E’ un secondo step, più avanzato rispetto al metodo statistico. Perché parte da quello statistico, ma arriva fino ai bookmakers asiatici che funzionano come la borsa, con continui alzamenti e abbassamenti di quota.
E’ un corso che fa diventare davvero dei professionisti del betting. Quindi ora mi piacerebbe promuoverlo al meglio, anche perché i primi partecipanti ne sono rimasti davvero entusiasti.
Poi mi piacerebbe scrivere un nuovo libro, in cui racchiudere tutti i trucchi e le tecniche di betting che uso di solito. Sicuramente durante l’estate, con i campionati fermi, mi dedicherò alla scrittura.

Ringrazio Alessandro per i preziosi consigli che ci ha dato in questa intervista. Seguiremo volentieri i suoi prossimi progetti e aggiorneremo gli iscritti alla nostra newsletter. Se non sei ancora iscritto alla newsletter puoi farlo gratuitamente inserendo il tuo indirizzo mail nel form che trovi qui a lato. Una volta iscritto riceverai direttamente nella tua casella di posta l’ebook “da zero a 1000” dove ti svelo i segreti per creare una rendita mensile di oltre mille euro.

Come diciamo sempre in questo blog, e come chiarisce più volte anche lo stesso Alessandro nel suo libro, le scommesse sportive possono creare dipendenza patologica, per questo ti invitiamo a giocare responsabilmente e ad utilizzare esclusivamente somme che puoi permetterti di perdere.


2 commenti su “Stats4bets: la matematica applicata alle scommesse sportive

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.