Introduzione al Pay per click (III parte)

guida pay per click italiano Eccoci finalmente alla terza parte della guida introduttiva al pay per clic.

Nella prima lezione abbiamo parlato di alcuni concetti base del PPC mentre nella seconda abbiamo analizzato cosa c’è di vero e cosa invece è falso nel mondo del PPC.

Se non hai letto le prime due lezioni, le puoi trovare qui:
– lezione 1
– lezione 2

Proseguiamo quindi con la terza parte, parlando dei costi di una campagna pay per clic.

Quali sono i costi di una campagna PPC?

Per iniziare con una campagna PPC considera di investire almeno 100 Euro. Tuttavia i costi possono lievitare notevolmente, ma questo non è un dato necessariamente negativo: infatti se sapessi che per 1 euro speso in PPC il tuo ritorno è di 1,50 Euro, quindi con un utile netto pari a 0,50 Euro, la logica vorrebbe che aumentassi il tuo investimento.

Esistono però dei sistemi per controlla i costi, vediamone alcuni:

1) Creare annunci di qualità.
La qualità ed il prezzo massimo che si è disposti a pagare per ogni clic sono i due parametri tenuti in considerazione da Google Adwords (e non solo…) per selezionare gli annunci da visualizzare. E’ facile intuire come un annuncio e una pagina di destinazione di qualità permettano di ridurre l’investimento monetario.

2) Impostare la cifra massima da spendere
I programmi PPC permettono di impostare la cifra massima che si è disposti a spendere per ogni clic ed il budget giornaliero a disposizione; in questo modo eviterai di spendere 50 euro per un solo clic (fidati, può capitare) o di prosciugare il tuo conto dopo un solo giorno di campagna.

Va detto che vi sono dei costi legati al PPC (es. hosting, dominio, ecc…) che non sono facilmente quantificabili perchè variano da soggetto a soggetto, oltre il fatto che i costi di una campagna possono variare notevolmente in relazione al settore o alle parole chiave che ti interessano.

Come monetizzare i tuoi investimenti in PPC

E’ chiaro che se investi dei soldi nel PPC vuoi che ci sia un ritorno. Vi sono due modi per monetizzare gli investimenti in PPC:

1) Creare una tua landing page

2) Linkare direttamente il sito del merchant

CREARE UNA TUA LANDING PAGE

Puoi decidere che l’utente, una volta cliccato l’annuncio, vada a finire in una landing page creata da te. Molti preferiscono questo metodo perchè hanno maggior controllo sul processo di vendita.
La landing page può essere composta da testo, elementi grafici e multimediale ed ogni altro elemento che possa invogliare l’utente ad acquistare il prodotto o servizio che stai pubblicizzando.
Sicuramente la creazione di una pagina di atterraggio richiede molto lavoro, l’aggiunta di informazioni interessanti, a volte la creazione di un vero sito web. Ma il maggior lavoro è compensato dai notevoli vantaggi che puoi trarre da una landing page ben fatta.
Il maggiore di questi vantaggi è la possibilità, attraverso la landing page, di ottenere le informazioni dell’utente (nome, email, ecc…) così, anche se la visita non si tradurrà in vendita tu avrai la possibilità di contattare l’utente in un secondo momento per proporgli altri prodotti o servizi.
Altro importante vantaggio è senza dubbio dato dalla possibilità di monitorare il traffico.
Ecco perchè molti decidono di utilizzare questo metodo che dà più lavoro ma offre dei vantaggi notevoli.

LINKARE DIRETTAMENTE IL SITO DEL MERCHANT

Con questo metodo è sufficiente creare un annuncio e linkare il sito del merchant che monitorerà le vendite tramite il tuo link di affiliazione.

Ovviamente per questo metodo non c’è bisogno di creare un tuo sito web, ma è necessario creare un annuncio efficare.
Molti utilizzano il link diretto al merchant per testare la redditività di una offerta prima di creare un vero e proprio sito web ed investire tempo e una maggiore quantità di soldi.

Un vantaggio che può dare questo metodo è che l’utente accede subito al sito del commerciante, che spesso è un marchio conosciuto, e quindi potrebbe essere indotto ad acquistare proprio per il fatto di essere di fronte al sito di una marca nota.

Ovviamente il limite del sistema è che non puoi monitorare le vendite e quindi a volte può capitare che non ti siano accreditate le commissioni che ti spettano.

Prima di concludere questo minicorso fissiamo alcune considerazioni importanti da seguire prima, durante e dopo una campagna di PPC:

– prima di iniziare qualsiasi campagna cerca di imparare bene i concetti base

– fai una stima dei potenziali costi della campagna e definisci con esattezza il budget che sei disposto ad investire

– segui costantemente la tua campagna,  fai le modifiche necessarie alla sua ottimizzazione, impara dai tuoi errori

– cerca di capire quando una campagna non è più redditizia ed è il momento di sospenderla.

Il corso introduttivo sul PPC si conclude qui. Puoi esprimere la tua impressione sul quanto hai letto lasciando un commento.

Ti ricordo che la prossima settimana sarà online la prima parte del corso avanzato di PPC, se vuoi essere avvisato quanto verrà pubblicata iscriviti ai Feed.


Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.