vendere online
0

Come scrivere un post efficace per vendere online qualsiasi tipo di prodotto

E' da un po' che non ti parlo di marketing perchè sono stato impegnato in altri progetti, ma il marketing, ed in particolare il web marketing, era e resta una delle mie  passioni e ogni tanto mi piace provare a darti consigli che spero ti potranno essere utili per iniziare o migliorare il tuo business online.

L'articolo di oggi è rivolto a te che hai un blog o che hai intenzione di aprirne uno. Uno dei modi migliori per guadagnare online con un blog è quello di vendere prodotti tuoi oppure in affiliazione. Ma per vendere un qualsiasi prodotto devi essere bravo a scrivere dei post che coinvolgano il lettore e che poi, al termine della lettura, lo invoglino ad acquistare.

Per questo ti fornirò delle semplice regole da seguire  per creare un post efficace che ti permetta di vendere online qualsiasi tipo di prodotto. Se sei un blogger con un minimo di esperienza o hai letto qualche libro sull'argomento, alcuni di questi consigli potranno sembrarti banali, ma ti assicuro che soprattutto per chi è alle prime armi, questa sarà una guida molto utile per iniziare.

Fornire un quadro generale del problema e proporre soluzioni

Fornire una panoramica generale di un problema è senz'altro uno dei metodi migliori per attirare l'attenzione degli utenti su internet. Ogni giorno milioni di persone navigano sul web alla ricerca di soluzioni a qualsiasi tipo di problema: come aggiustare la radio, come acquistare una vacanza, come perdere peso, e potrei continuare all'infinito.
Ora, il mio consiglio è di scrivere un post che inquadri un problema e definisca un percorso step by step per risolverlo. Poniamo ad esempio che il tuo problema sia: come aprire un blog per guadagnare online. Io potrei scrivere una breve guida illustrando i vari passaggi da fare, dall'acquisto del dominio alla promozione tramite i social. Nella guida ti posso illustrare i vari passi, e magari in fondo all'articolo potrei dirti che se ti serve una mano, potresti avvalerti della mia consulenza al costo di X euro!
Certo, non tutti gli utenti verranno a chiedermi un preventivo, ma ti assicuro che alcuni di essi alla fine decideranno di avvalersi della mia consulenza, risparmiando tempo e fatica.
Offrire il quadro generale di qualcosa può essere utile anche perchè se scrivi informazioni di valore invoglierai il lettore ad approfondire l'argomento, ed è a questo punto che potrebbe entrare in gioco un tuo infoprodotto a pagamento. Facciamo un esempio: puoi scrivere un articolo che tratta il tema delle criptovalute in maniera generale, con lo scopo di vendere una guida su come guadagnare con i bitcoin. Se sarai bravo a scrivere il pezzo il lettore avrà voglia di saperne di più e ci saranno buone probabilità che acquisti il tuo infoprodotto.

Fornire una soluzione a una parte del problema

Se prima ti ho consigliato di analizzare un problema in generale, puoi ottenere lo stesso risultato analizzando una parte di esso e fornendo una soluzione. Partendo sempre dall'esempio di prima, puoi scrivere il tuo articolo su come guadagnare online con un blog, e poi proporre  il tuo bell'ebook a pagamento che insegna come promuovere un blog tramite facebook. Come vedi, è tutto molto semplice ed efficace. Ovviamente il tutto funziona meglio se gli utenti ti vedono come esperto sull'argomento e se hai una certa reputazione.

Offrire una lista di trucchi veloci

Offire una lista di trucchi veloci a proposito di un determinato argomento è un ottimo modo per attirare l'attenzione degli utenti. Per rendere ancora più accattivante il tutto potresti proporlo sotto forma di elenco. Per ogni punto dell'elenco dovrai scrivere solo poche righe, senza entrare troppo nel dettaglio. Se al lettore interesserà approfondire l'argomento, non gli resterà che acquistare il tuo completissimo ebook (che ovviamente promuoverai con un link alla fine del post!)
Liste di questo tipo possono essere fatte praticamente su qualsiasi argomento e possono essere utilizzate anche come base per la creazione di un infoprodotto. Una volta individuati i punti e descritti brevemente nel post da pubblicare sul tuo blog, non dovrai fare altro che prendere gli stessi punti ed utilizzarli come schema: espandendo ciascun punto e approfondendo al massimo ogni argomento uscirà fuori un infoprodotto di qualità che interesserà di sicuro i lettori.

Tutti e tre i consigli che hai letto sopra  si basano sul principio di fornire all'utente informazioni su un determinato argomento, in stile "come fare per…", allo scopo di invogliarlo ad approfondire le proprio conoscenze oppure ad acquisire nuove funzionalità attraverso l'acquisto di un bene o servizio.

Analizzare un case study o scrivere recensioni

La condivisione di un case study o di una recensione è una strategia molto utilizzata per vendere prodotti online. La utilizzo molto spesso anche io neglio articoli del mio blog. Mi capita spesso di testare direttamente dei metodi per guadagnare online e di postare i risultati che ho ottenuto. Se ritengo il prodotto valido, a volte lo promuovo al termine dell'articolo tramite un link di affiliazione, e ogni volta che un utente acquista il prodotto cliccando il mio link io guadagno una commissione.
La stessa strategia può essere applicata anche se decidi di pubblicare un case study. Ad esempio, proprio in questi giorni ho seguito un corso per guadagnare con instagram e sto testando quello che ho imparato su un nuovo profilo instagram. Al termine della fase di test (se tutto andrà secondo i piani), potrei decidere di pubblicare un articolo dal titolo "come arrivare ad avere xxxxxx follower su instagram partendo da zero" e pubblicizzare il corso attraverso un reflink.

Suscitare un dibattito

Se ci fai caso, alcuni dei post su facebook che ricevono più commenti e condivisioni sono quelli che suscitano un dibattito perchè esprimono opinioni controverse o perchè mettono in discussione delle tesi dominante. Argomenti di questo tipo sono in grado di attirare l'attenzione degli utenti e di spingerli ad esprimere le proprie opinioni in merito.
Questo determina un alto tasso di coinvolgimento, e la stessa strategia può essere utilizzata per scrivere un post per un blog allo scopo di promuovere un prodotto
Prendendo ad esempio il corso su instagram di cui ti parlavo sopra, potresti scrivere un articolo del tipo "i x segreti per guadagnare con instagram e che i grandi marketers tengono nascosti…." in cui introdurrai alcune strategie per guadagnare con il popolare social network, ed inviterai l'utente ad acquistare il corso per saperne di più.
Un altro esempio, come ti dicevo, è quello di confutare una tesi dominante: "tutti dicono che per guadagnare con il forex devi fare così, io invece facendo questo ho ottenuto questi risultati…." ovviamente è un esempio, ma potresti parlare di una qualsiasi strategia che va per la maggiore e confutarla punto per punto, mettendone in evidenza le debolezze, e allo stesso tempo illustrando una strategia alternativa che sarà il prodotto da promuovere.
Personalmente non uso spesso questo tipo di strategia, ma è molto utilizzata e sicuramente in grado di portare importanti risultati.

Call to action e soft sell

Ovviamente è importante che all'interno di ogni post che ha l'obiettivo di vendere un prodotto ci sia una call to action (anche più di una ma è sempre meglio non esagerare…), cioè un invito all'utente ad acquistare il prodotto stesso. Tutto il processo non deve essere aggressivo, per questo si parla di soft sell. Le tecniche di soft selling non si concentrano principalmente sulla vendita del prodotto, ma piuttosto sulla necessità di venire incontro ai bisogni dell'utente e ad offrire soluzioni.
Esempi di soft selling sono frasi del tipo "grazie al questo corso in 2 mesi ho ottenuto xxxx follower sul mio account instagram" oppure "ero stanco di perdere soldi con il forex, per questo ho acquistato il corso xxxxxx che spiega questa strategia….." , o ancora "tra poche righe ti parlerò di come ho ottenuto xxxxxx visite al mio blog grazie ad una strategia di marketing….". Questa ultima frase è molto efficace perchè crea anche attesa ed aspettativa nel lettore.
Come ti dicevo, è meglio non esagerare con le call to action. Generalmente io utilizzo all'inizio del post una frase in grado di creare attesa, una call to action più o meno a metà, ed una call to action alla fine del post.
Ricordati di non essere mai aggressivo, e di mettere sempre al primo posto le esigenze del lettore.

Applicando queste strategie sicuramente sarai in grado di promuovere qualsiasi tipo di prodotto attraverso il tuo blog. Se hai altre strategie oppure vuoi fare delle domande, oppure non sei d'accordo con quello che ho scritto nel post, ti invito a lasciare un commento.

 


Nicholas Di Maggio

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *