Crearsi un Lavoro con Internet. Intervista a Stefano Mini – prima parte

Lasciare tutto e vivere solo con le rendite generate online. Sono sicuro che anche tu, almeno una volta, ci ha pensato. Ma se gli ostacoli per farlo ti sembrano insormontabili, se le difficoltà ti bloccano, se pensi non sia possibile, sappi che qualcuno ce l'ha fatta e riesce a vivere e guadagnare grazie ad internet.

Uno di questi è Stefano Mini, un ragazzo di 25 anni che vive grazie al blog Mindcheats uno dei punti di riferimento in Italia per quanto riguarda la crescita personale. Oggi facciamo un po' di domande a Stefano per cercare di capire come fa a guadagnare online e quale è stato il percorso che lo ha portato a creare delle rendite grazie al web.

Ciao Stefano, e grazie per aver accettato di sottoporti alla nostra intervista. Iniziamo subito con le domande:

1- Innanzitutto, per conoscerti meglio, parlaci brevemente di te, quali sono state le tappe principali della tua vita: studio, lavoro, famiglia, ecc…

Capperi, subito una domanda tosta. ;)
Mi chiamo Stefano Mini, e sono nato 25 anni fa in provincia di Brescia.
Quando avevo 5 anni mi sono quasi ammazzato contro un muro di cemento con la bici, perché volevo provare a vedere cosa succedeva a non sterzare.
Quando avevo 10 anni, le maestre delle elementari pensavano che avessi qualche disturbo mentale perché non le ascoltavo (mi sa che il disturbo ce l'avevano loro).
Nei dieci anni successivi mi sono diplomato e poi laureato in economia a Brescia senza brillare particolarmente, perché non mi interessava uscire  col 110 e lode. A 20 anni faccio l'Erasmus (università all'estero) a Riga, Lettonia. I miei amici dicevano che mi avrebbe accolto un orso polare, invece ho trovato 30 gradi e una bella ragazza. ;) Ad oggi, ricordo quei 6 mesi come una delle più belle esperienze della mia vita.
Mindcheats nasce due mesi prima che partissi per Riga, nel maggio del 2010. Il primo articolo parlava di come ridurre il mal di testa. Non avevo idea che il blog sarebbe cresciuto fino a diventare uno dei punti di riferimento del settore in Italia, all'inizio era solo un passatempo.
Lì mi accorgo che il mondo è più grande dell'Italia, e anche più bello. Quindi mi laureo, e la settimana dopo vado a lavorare negli Stati Uniti per un anno. Torno solo perché mi scade il permesso di lavoro, altrimenti sarei rimasto.
Mentre sono lì Mindcheats cresce esponenzialmente, e il 6 marzo 2013 pubblico il mio corso d'inglese online (www.mindcheats.net/inglese-dinamico-completo). Con un successo inaspettato e un fiume di recensioni positive, mi accorgo che Mindcheats può diventare il mio lavoro a tempo pieno.
Lavoro per qualche mese in Inghilterra, poi torno in Italia e divento ufficialmente libero professionista. L'anno dopo pubblico il mio secondo corso, Obiettivo Lavoro (http://curriculum.mindcheats.net/obiettivo-lavoro), anche qui un grande successo.
Nel frattempo mi innamoro dei cani da slitta, e divento musher . Da dove scrivo questa email, posso vedere 36 husky e un lupo giù in canile. L'esperienza più faticosa ma più bella della mia vita.
Adesso stanco della burocrazia italiana, sto facendo i documenti per trasferirmi con la mia azienda (ossia Mindcheats) in Spagna.
Gioco da sempre a tennis, e sono appassionato di informatica da quando andavo alle medie (anche se le mie abilità di programmatore sono pari a quelle di una patata). Dopo aver brutalmente assassinato due computer, ho imparato a tenerli da conto. Gioco a calcetto come portiere, e sono convinto che un giorno diventerò un Super Sayan.

2- Parlaci delle tue attività online: di cosa ti occupi?

Gestisco il mio blog, Mindcheats.net, uno dei punti di riferimento in Italia della crescita personale. Non ho altre attività al momento, perché sono convinto che sia meglio fare una cosa bene piuttosto che dieci male.

3- Qual è stata la molla che ti ha fatto scegliere di dedicarti al business online?

Mi è sempre piaciuto il business, e mi è sempre piaciuto internet. Quindi mi sono detto: perché non mettere le due cose insieme? La mia prima iniziativa si chiamava Internattivati, e dopo mesi di lavoro ha portato all'esorbitante fatturato di 96 euro. Meno 10 euro di hosting. Da smezzare con il mio collega/amico. Ma avevamo 16-17 anni e andava bene così.

Poi ho iniziato con Mindcheats per divertimento, e dopo due anni cresce a tal punto da essere una plausibile fonte di reddito. A quel punto decido di creare un corso d'inglese, e il resto è storia. ;)

4 – Quali sono state le difficoltà maggiori che hai incontrato quando hai iniziato la tua attività online?

Il guadagno differito. Puoi scegliere di guadagnare qualche euro fin da subito, o aspettare mesi/anni e avere un vero stipendio. Io ho scelto il secondo. Mi ci sono voluti 3 anni di lavoro quasi quotidiano per vedere i risultati, e non sempre la mia motivazione è stata al massimo. Anche perché adesso ci sono molti blogger anche in Italia che vivono del proprio sito internet, nel 2010 ce n'erano molti di meno (o almeno io non li conoscevo).

5- Ci sono state delle persone che hai seguito, dei libri che hai letto, dei corsi che hai frequentato, che ti hanno aiutato e ti aiutano tutt’ora in maniera determinante nel costruire e migliorare la tua attività online?

All'inizio seguivo molto Copyblogger, sul quale mi sono basato per anni. È un eccellente punto di partenza per blogger agli inizi, perché spiega bene i concetti fondamentali. I loro prodotti, inoltre, sono di alto livello. Anche ConversionXL è un mio punto di riferimento.

Se dovessi consigliare un solo corso a un blogger che vuole guadagnare con il proprio sito internet, al momento direi Audience Business Masterclass di Danny Iny. Costa un po', ma è il migliore che conosco. Per un costo più contenuto, il libro "How to Build Websites that Sell: The Scientific Approach to Websites" di Peep Laja mi ha impressionato. Sono in inglese perché, non me ne vogliano i marketer italiani (alcuni dei quali molto bravi), sono il gold standard in tutto il mondo.

La prima parte dell'intervista a Stefano Mini si conclude qui, domani la seconda parte con altri trucchi e segreti su come guadagnare online.
Se non vuoi perderti la seconda parte dell'intervista iscriviti ai Feed.


Un commento su “Crearsi un Lavoro con Internet. Intervista a Stefano Mini – prima parte

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.