3

10 domande a… Francesco Gavello – I parte

E’ passato un po’ di tempo dalla nostra ultima intervista, avete ragione, ma non è facile trovare gente disposta a raccontare i propri segreti e le proprie strategie per guadagnare online.

Il personaggio di oggi è un blogger che ho conosciuto ed apprezzato proprio tramite il suo blog che seguo ormai da molti mesi.

Questo ragazzo, oltre ad essere molto preparato nel suo campo, si fa apprezzare anche per le grandi doti umane: gentile e disponibile con tutti.

Sto parlando di Francesco Gavello che, cito testualmente dal suo blog, si occupa di web writing, blogging e social media.

Tralasciamo i preamboli ed andiamo subito all’intervista, come sempre ricca di spunti e notizie da non perdere.

Ciao Francesco, e grazie per aver accettato l’intervista.

1- Innanzitutto, per conoscerti meglio, parlaci brevemente di te, quali sono state le tappe principali della tua vita: studio, lavoro, famiglia, ecc…

Ho 27 anni, vivo e lavoro a Torino e sono un consulente web freelance.

In passato ho lavorato a Milano per poco più di due anni: prima in una piccola web agency e poi come come project manager per una grande agenzia di marketing e comunicazione. Tornato a Torino ho deciso che era venuto il tempo di tentare una nuova strada, cercando da solo i miei clienti e promuovendo me stesso come libero professionista.

E direi che ha funzionato. ;)

2- Parlaci delle tue attività online: di cosa ti occupi?

Cerco di spiegare alle piccole e medie imprese quali vantaggi offra una buona presenza sul web (sui social media ma non solo).

Per chi ci lavora quotidianamente, con il web, tutto sembra invecchiare molto rapidamente e viene quasi dato per scontato. Alle aziende però, spesso mancano le pure basi. Esiste ancora una larghissima fetta di imprese che non hanno mai davvero lavorato sulla propria presenza in rete. Che non hanno mai tratto vantaggio delle più basilari tecniche di marketing per sondare lo stato del proprio target o per fidelizzarlo ulteriormente. Io cerco di aiutarle a superare questa difficoltà.

3- Perchè hai scelto di dedicarti al business online?

Perché la comunicazione, intesa come "materia di studio" è sempre stata una passione più o meno presente nella mia vita. Mi piace capire come pensa le gente e perché compie determinate scelte. Cosa le spinge ad amare un prodotto o a seguire un determinato brand (e dove stiano le sfumature che valorizzino o demoliscano il risultato).

Fare il consulente freelance e lavorare in gran parte sul web significa poi avere clienti sparsi per tutta l’Italia con i quali posso andare dritto al succo del discorso.

4- Quali sono state le difficoltà maggiori che hai incontrato quando hai iniziato il tuo business online?

Burocrazia a parte? :)
Trovare il giusto approccio e stile di vita in modo da non rimanere schiacciato sotto di esso.

Devi capire cosa vuoi e cosa non vuoi fare. In modo che i clienti sappiano esattamente a chi si stanno rivolgendo e per quali ambiti possono affidarsi con sicurezza a te.
Dopotutto, a nessuno piace ascoltare ancora presunti "esperti" in grado di tirare fuori una sfilza di competenze e titoloni in inglese di dubbio valore concreto.

Ciò che faccio, lo faccio perché credo di poterlo fare bene e non pretendo di coprire la sfera del marketing in rete nella sua totalità.

5- Ci sono state delle persone che hai seguito, dei libri che hai letto, dei corsi che hai frequentato, che ti hanno aiutato e ti aiutano tutt’ora in maniera determinante nel costruire e migliorare la tua attività online

Leggo molto. Moltissimo. Sul web e non solo.

Sono poi dell’idea che più che affidarsi a un solo mentore da cui pendere dalle labbra, sia sempre meglio comportarsi ogni giorno come "spugne" pronte ad assorbire quanto di buono possiamo trovare in ogni angolo, anche remoto, del web. Sono costantemente ispirato da una manciata di blog d’oltreoceano, dai modi di porsi di alcuni blogger italiani e di comunicatori che posso ascoltare durante le conferenze che di tanto in tanto frequento.

Ogni cosa.Davvero ogni cosa può aiutarti a costruire un personal brand migliore.

Direi che siamo partiti forte!!! Mica possiamo svelare tutto subito. Concludiamo qui la prima parte dell’intervista, domani la seconda, ancora più ricca ed avvincente.

Se non vuoi rischiare di perderla iscriviti ai Feed.


Nicholas Di Maggio

3 Comments

  1. Ciao Nicholas,
    da parte mia non posso che ringraziarti per le domande che mi hai posto e farti il mio migliore in bocca al lupo per il tuo progetto! :)

  2. Grazie Francesco, per me è stato un piacere intervistarti.

    Spero che lavoreremo ancora insieme in futuro. In bocca al lupo anche a te…

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *